Un anno nel bosco… per conoscerlo e per conoscerci

Crediamo che la magia non accada sempre e solo per magia.

Deriva principalmente dall’impegno, dal lavoro di squadra, dalla costanza, dalla determinazione di un gruppo intero, dal pretendere che ognuno dia quanto è disposto ed è pronto a dare. 

La magia è poi strettamente legata al metterci tanti sorrisi, al cadere, al rialzarsi e al rimettere, e rimettersi, in gioco quando la situazione lo richiede.

Venerdì scorso si è concluso il nostro progetto bosco, un percorso durato un anno per conoscere la natura del nostro territorio conoscendo noi stessi, e i “nostri bimbi” di prima sono stati fantastici. Impegnati, coraggiosi, grandi. 

Gli apprendimenti scientifici sono stati importanti, ma ancora più rilevanti sono state le scoperte legate alla conoscenza del gruppo e alle modalità di lavoro efficaci, in primis la collaborazione (e con i piccoli come e perché si collabora sono concetti da costruire). 

Inoltre abbiamo compreso quanto sia importante tornare e ritornare sulle cose e nei luoghi; nella nostra aula nel bosco e al nido d’aquila ci siamo andati in ogni stagione più volte e per ognuna di queste volte abbiamo “costruito” nuovi apprendimenti e consolidato quelli vecchi. Tornare sui concetti a scuola, e nella vita, è importante, così come è fondamentale saper riconoscere il bello attorno a noi. 

E di bellezza noi tra gli alberi ne abbiamo trovata tanta.

In prima elementare non è immediato raccogliere i frutti (del proprio lavoro e del lavoro condiviso), ma quando succede essi sono grossi e ben maturi. ❤️