Progetto “Educazione sociale”

Progetto “Educazione sociale”

Dopo una riflessione teorica si è passati a una fase più operativa, all’elaborazione di un progetto comune di educazione sociale (educazione alla socialità e alla convivenza civile), approvato dal collegio docenti nel giugno del ‘96.

Nel corso dell’anno scolastico ‘96/’97 gli obiettivi comuni erano riferiti: 

 Al docente
– Sviluppare un miglior equilibrio personale e una maggior consapevolezza del proprio ruolo specifico.
– Essere disponibile all'ascolto dell'altro, allo scambio di esperienze, di progetti, di idee.
– Confrontarsi su atteggiamenti e comportamenti diversi.

All'allievo
– Imparare ad autovalutare il proprio comportamento, riconoscere ed esprimere i sentimenti, rispettare il pensiero e i sentimenti degli altri, saper accettare le diversità (di opinione, di ritmi di lavoro,…).
– Definire comportamenti e regole comuni alla classe e all'istituto.
– Prendere coscienza delle diverse componenti (e relativi ruoli) della scuola.
– Incontrare allievi di classi diverse e scambiare lavori o riflessioni su determinate tematiche.                                        

Alla famiglia
– Improntare i rapporti con i genitori nel rispetto reciproco (colloqui, riunioni, scuola-aperta).
– La sperimentazione è proseguita l’anno successivo in tutte le classi, con incontri regolari per gruppi di docenti e collegiali.

Le attività più rilevanti sono state:
– Analisi dell’istituto: schede di valutazione (situazione attuale – situazione auspicata).
– Attività nelle classi (giochi di ruolo, consiglio di classe, attività di rilassamento,…).
– 
Piani preventivi di lavoro specifici (con le attività del progetto).
– Inchieste per gli allievi e le famiglie.
– Stesura di norme comuni.
–  Modalità diverse di riunioni con i genitori.
– Allestimento di un programma comune di profilassi dentaria (svolto dai docenti in un’ottica interdisciplinare).
– Schede di autovalutazione.

Top