Per la ripresa scolastica, dopo le vacanze di Natale, abbiamo espresso un desiderio collettivo, tutti e tutte insieme. 
In silenzio, osservando bruciare due bengala scintillanti, abbiamo chiesto un po’ di magia per questo nuovo anno.
E se l’unione fa la forza, la nostra potente e vitale richiesta non può che avverarsi.
Noi ci crediamo. ⭐️
2021, ancora chiediamo, sii gentile e regalaci un po’ di magica normalità.

Questa settimana abbiamo scoperto di avere un’aula virtuale, sulla piattaforma informatica Moodle, dentro al computer.

Abbiamo pure scoperto che, proprio lì, si possono svolgere delle attività e così abbiamo iniziato a fare.

Abbiamo guardato un video con una storia, ascoltato delle domande registrate con la voce della maestra e svolto una scheda ricchissima…
Questa piattaforma è davvero interessante e continueremo a usarla.
Chissà quali altre attività svolgeremo in futuro…

Questa settimana abbiamo scoperto di avere un’aula virtuale, sulla piattaforma informatica Moodle, dentro al computer.
Abbiamo pure scoperto che, proprio lì, si possono svolgere delle attività e così abbiamo iniziato a fare.
Abbiamo guardato un video con una storia, ascoltato delle domande registrate con la voce della maestra e trovato e svolto una scheda ricchissima…

Questa piattaforma è davvero interessante e continueremo a usarla.
Giovedì invece, grazie a MS Teams, abbiamo intervistato Martina Caterino, autrice del libro, che stiamo leggendo durante il periodo dell’avvento, “Lumi significa neve”. Abbiamo formulato e scritto delle domande, le abbiamo poste a Martina e ascoltato le sue interessanti risposte… lei sa tutto delle creature magiche! È stato un momento bellissimo.

I

Il nostro mese di dicembre è iniziato magicamente…

Martedì 1, con l’altra prima e le due seconde ci siamo trovati nell’atrio, dove il maestro Fabio e le maestre ci hanno letto un libro bellissimo: “Il pacchetto rosso”, un grande classico sul Natale che insegna il valore del dono.

Lavorando sul contenuto della storia, abbiamo compreso che donare è più importante di ricevere e che il bene dato trova sempre il modo di ritornare da noi.

Nel corso della settimana, abbiamo poi ricevuto una cartolina postale (la seconda in poco tempo, la settimana scorsa ci hanno scritto le chiocciole): sembrerebbe proprio che presto due elfi di Babbo Natale ci facciano visita.

Non vediamo l’ora…


Lavorando sulle cartoline stiamo diventando bravissimi a leggere paroline e parole, individuare l’indirizzo, scoprire a che cosa servono i francobolli e, ovviamente, comprendere il contenuto del testo.

Avanti tutta e grazie dicembre!

FABIO E NICOLAS CI AIUTANO A SCOPRIRE I PERICOLI DELLA STRADA: FERMO, GUARDA, ASCOLTA E POI VAI!



















26.11.2020 NUOVI AMICI IN CLASSE

Questo periodo è stato per noi lo spunto per diverse attività.

Abbiamo osservato la bellezza dei colori e abbiamo cercato di riprodurli con tecniche diverse.

Con le foglie di castagno secche abbiamo iniziato un percorso di matematica che ci sta portando a scoprire diversi concetti e parole chiave quali SAGOMA, IPOTESI, STIMA e VERIFICA. Abbiamo inoltre scoperto l'utilità di contare a 10 a 10!

Il nostro lavoro è solo all'inizio e ci porterà a altre scoperte…

 

Dall’inizio della scorsa settimana stiamo lavorando intensamente con la matematica e… con le foglie secche di castagno!

 

Per prima cosa abbiamo individuato tra di noi l’allievo/a più alto/a e quello/a più basso/a.

 

Poi abbiamo compreso che cos’è una sagama; per Gabriele (il più alto della classe) e per Sofia (la più bassa) ne abbiamo disegnata una su della carta da pacchi.

 

A quel punto la maestra ci ha chiesto di ipotizzare quante foglie di castagno occorressero per ricoprirle interamente. Abbiamo così fatto le nostre stime numeriche… 

 

Abbiamo quindi verificato le nostre ipotesi, contando le foglie: abbiamo individuato un punto (foglia) di partenza e abbiamo trovato comodo e utile segnare le foglie ogni 10 contate.

 

Alla fine abbiamo scoperto che per coprire la sagoma di Gabriele sono state necessarie 39 foglie e per quella di Sofia 30.

 

Abbiamo capito subito che 39 e 30 sono delle quantità diverse, quindi non uguali.

 

In ultimo abbiamo compreso che la matematica utilizza dei segni importanti per “dire” queste informazioni.

 

Quanti concetti stiamo imparando: sagoma, stima, segni matematici…

 

E il nostro lavoro è solo all’inizio!

 

Siamo davvero molto motivati e motivate… imparare può essere bellissimo!